Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   video

Prodotti

PRODOTTI PER LA BIOFORTIFICAZIONE IN SELENIO E/O LITIO

plus vigor nike serie

Al momento ci siamo focalizzati su due tipologie standard di fertilizzanti fogliari che sono oggi utilizzabili nei progetti di biofortificazione con i nostri partners: un concime azotato (con azoto da materie organiche – non da sintesi chimica) e un secondo concime a base di microelementi; entrambe compatibili con l'agricoltura biologica secondo le normative dell'Unione Europea e Italiane.

Una terza tipologia potrebbe essere quella di una soluzione a base acqua con selenio e litio più coadiuvanti.
Tuttavia, questa terza tipologia -certamente utilizzabile da un punto di vista agronomico- non corrisponde ad una strada percorribile secondo una prospettiva fiscale perché non sono possibili certe deduzioni fiscali e un'aliquota IVA ridotta che si applica solo a prodotti classificati come "concimi" nell'ambito UE. Infatti, la soluzione a base acqua come sopra definita non sarebbe considerata "concime" secondo le attuali normative UE e Italiane perché Selenio e Litio non sono ancora classificati come "elementi di fertilità".

Ci sono usi diversi dei concimi di sopra menzionati a seconda della specie agronomica considerata: differenti numeri di trattamento in campo, tempistiche appropriate e concentrazioni dei componenti; I.D.Tech ha un know-how specifico su tutto questo.

In ogni caso, per ciascun progetto valutiamo con gli agricoltori la possibilità di personalizzare i concimi tenendo conto delle specifiche caratteristiche delle piante in campo e della fase di crescita.

La fertilizzazione in campo è possibile con macchinari normalmente utilizzati dagli agricoltori in grado di spruzzare acqua e/o altri prodotti chimici in campo, pivot, aereoplani (i.e. ogni qual volta è possibile l'irrorazione fogliare con gocce fini).

Elenco dei Vantaggi Comparativi del Nostro Fertilizzante Fogliare

  • A causa della fertilizzazione fogliare il risultato finale non dipende dalla composizione del suolo; ad esempio, questa tecnologia può essere usata anche in situazioni di suoli sabbiosi poveri in selenio.
  • Rispetto ai concimi tradizionali è necessaria una ridotta e minimale quantità di sostanze fertilizzanti.
  • Ridotto impatto con l'ambiente (i.e. Green Technology).
  • d. Incremento delle proprietà nutrizionali del cibo (i.e. prevenzione di malattie croniche); come da raccomandazioni della FAO & OMS.
    Nota: anche in paesi con un alto livello di tecnologia agronomica c'è scarsità di micronutrienti nei prodotti vegetali (così detta "fame nascosta" in inglese "hidden hunger") che è una questione diffusa in tutto il mondo. Infatti, la fame nascosta non dipende dal numero di calorie assunte quotidianamente, ma dalla mancanza di biodiversità dei prodotti disponibili sul mercato (anche causata dai contenuti di suolo e acqua) e dalla consapevolezza del consumatore.
  • Incremento di rese e/o qualità dei prodotti vegetali delle varietà trattate.
  • Semplice da preparare e usare.
  • Non tossico.
  • Non necessita investimenti in nuovi macchinari da parte degli agricoltori (bastano I macchinari comunemente usati capaci di spruzzare acqua e/o altre soluzioni chimiche in campo).
  • Le parti del prodotto vegetale non commestibili per gli esseri umani possono essere usate come mangime per gli animali nella prevenzione di malattie croniche.
  • Indirizzo: Via degli Ortolani, 3
    40139 Bologna Italy
  • Telefono: +39.051.490640
    Fax: +39.051.490640
  • C.F. 01963531205 - P.I. 02720591201